Bologna troppe assenze: le reti di Ehsan e Paronuzzi non bastano

Bologna troppe assenze: le reti di Ehsan e Paronuzzi non bastano

NIENTE DA FARE.

I sogni di gloria, per Mattia Amorosini (nella foto) e compagni sono rinviati almeno di una settimana.
L’Hockey Team Bologna cade a Villar Perosa, contro quel Valchisone che, anche a livello giovanile, spesso e volentieri, ha riservato brutte sorprese alla società di Pietro Amorosini. Finisce 6 a 2 con le reti per gli ospiti che portano le firme di Paronuzzi ed Ehsan. Troppo poco per impensierire un gruppo come quello piemontese che sta continuando a crescere e migliorare.

Non cerca alibi l’allenatore dell’Hockey Team Bologna, Pietro Amorosini, nonostante tre assenze pesanti: Dumbrava, che ha finito di scontare la squalifica proprio ieri, l’esperto Nicola Sanasi e la bandiera Daniele Gadda.

«Abbiamo giocato su un campo di patate» il rimpianto per una squadra abituatat a giocare su un ottimo sintetico. Sabato prossimo, di nuovo al campo Barca, contro il CUS Pisa, Amorosini dovrebbe ritrovare l’organico al gran completo.

Le altre gare: HC Roma – Tevere Eur 4-1; Adige – Bonomi 3-1; CUS Pisa – Ferrini 3-1; CUS Padova – Amsicora 2-1; Juvenilia – Bra 0-0.

La classifica: Valchisone 6; Bra e Juvenilia Cagliari 3; Bonomi, Amsicora Cagliari, Hockey Team Bologna, HC Roma, CUS Pisa, Adige e CUS Padova 3; Tevere Eur e Ferrini Cagliari 0.

 

Courtesy: il Resto del Carlino

STASIOUK, TAMBURINI E BLAUMER REGALANO IL PRIMO SORRISO AL BOLOGNA

STASIOUK, TAMBURINI E BLAUMER REGALANO IL PRIMO SORRISO AL BOLOGNA

BUONA LA PRIMA. 

L’esordio nel campionato di A1 Maschile di Hockey Su Prato viene bagnato da una rotonda vittoria, 3 a 1, dell’Hockey Bologna che non fa sconti all’Adige. Un 3 a 1 probabilmente bugiardo, perchè la rete degli ospitinegli ultimi minuti e perchè i bolognesi, soprattutto, si dimostrano superiori per tutto il match.

Apre le marcatore – chi altri, diversamente? – l’esperto Segey Stasiouk che, nonostante abbia superato i quarant’anni, continua a essere un maestro di questo sport, con il talento e la capacità di trasmettere entusiasmo e passione ai compagni. Raddoppio di Tamburini e terzo sigillo di Blaumer (prima rete nel Campionato Italiano di Serie A1), prima che l’Adige, quando il risultato è già in cassaforte, chiude il tabellino sul 3 a 1.

RISULTATO rotondo per un gruppo che non fa mistero di voler migliorare il quinto posto della passata stagione. Difficile pensare allo scudetto, perchè il Bra appare ancora una corazzata ma, nel corso del campionato, nonostante il giovane Pietro Lago si sia trasferito in Belgio, non mancheranno i motivi di soddisfazione.

«Voglia crescere – spiega il presidente – allenatore Pietro Amorosini. La strada è quella giusta e, per questo motivo, stiamo cercando di dare sempre maggiori minuti e responsabilità ai giovani»

A difesa dei pali, per rendere più profonde le rotazioni, Amorosini ha utilizzato prima Timido Pompili un’altro degli “immortali” del gruppo – per poi fare affidamento su più giovane Antonio Musto, rientrato in questa stagione all’ombra delle Due Torri.

Convocati:
Timido – Musto – Muhammad – Pagani – Rodriguez – Blaumer – Gadda – Amorosini – Paronuzzi – Stasiouk – Missaglia – Sanasi – Boccacci – Tamburini – Saini – Bozzo – Bianco – Shahzad.

Le altre gare:
Amsicora – Cus Pisa 5 – 2; Bra – Roma 4 – 2; Bonomi – Cus Padova 6 – 2; Juvenilia – Ferrini 4 – 2; Tevere – Valchisone 2 – 3.

La classifica:

HT Bologna, Amsicora Cagliari, Bra, Bonomi, Juvenilia e Valchisone 3;
Cus Pisa, Roma, Adige, Cus Padova, Ferrini Cagliari e Tevere Eur Roma 0.

 

• Courtesy: Il Resto Del Carlino •

PRIMO SCUDETTO PER HT BOLOGNA

PRIMO SCUDETTO PER HT BOLOGNA

Bologna

<<CAMPIONI D’ITALIA>> cantano Sergey Stasiouk e Daniele Gadda che c’erano già nel 1997, vent’anni fa, quando il CUS Bologna conquistò il suo primo scudetto di Hockey Indoor.

Stavolta è il turno dell’Hockey Team Bologna di Pietro Amorosini che chiude la stagione perfetta con solo vittorie. Dopo aver conquistato il pass per la semifinale abbastanza agevolmente, Hockey Team soffre un pò in semifinale con la Bonomi, battuta 5 a 4 (Doppietta per Amorosini Mattia e Pietro Lago e gol di Stasiouk).

Si arriva cosi, in finale: non c’è, come tradizione, il Bra, perchè la formazione di Cuneo si fa superare, a sorpresa, dal CUS Padova.

L’Hockey Team ritrova l’avversaria già battuta il giorno prima, 7 a 4. La voglia di scudetto è più di tutto: i ragazzi allenati da Davide Tassi chiudono i conti sul 6 a 1 con una tripletta dell’eterno Stasiouk, una doppietta di Lago e il gol di Pagani. Può bastare: al PalaCUS fa festa la vecchia guardia. Lo scudetto indoor è tornato a Bologna grazie al sogno di Pietro Amorosini che, pezzo dopo pezzo, ha saputo costruire un gruppo di valore.

Tripletta di Ehsan, gol di Stasiouk e Lago ma per l’HT Bologna arriva solo un pari

Tripletta di Ehsan, gol di Stasiouk e Lago ma per l’HT Bologna arriva solo un pari

GIRANDOLA di emozioni al campo Barca e pure un grande spavento perchè Amorosini Mattia finisce all’ospedale, dove resta in osservazione. Il confronto con il Ferrini finisce 5-5 con una tripletta di Muhammad Ehsan, una rete su rigore firmata dall’eterno Stasiouk e il sigillo del giovane Lago. Sotto 0-1, Bologna ribalta, prima 2-1, poi 3-2 e pure 5-2. Ma il match resta molto nervoso e, alla fine, gli ospiti del Ferrini trovano il pareggio.

Siamo stati eccezionali in attacco – commenta Amorosini Pietro, presidente e allenatore-. In difesa, invece, qualche errore di troppo che ha consentito ai nostri avversari di pareggiare. Peccato.

HT Bologna ci ha preso gusto: travolge il Pisa e resta in vetta!

HT Bologna ci ha preso gusto: travolge il Pisa e resta in vetta!

La band di Pietro Amorosini si impone in Toscana 5-3 grazie alle reti di Sanasi aka Cobra, Muhammad E., Shahzad e Tamburini.

Lo aveva annunciato alla vigilia: questa squadra ci farà divertire. Pietro Amorosini, presidente e allenatore dell’Hockey Team Bologna è stato di parola perchè i suoi ragazzi si sono imposti sul campo del Cus Pisa per 5-3. Doppietta di Shahzad e una rete a testa per Muhammad E., Tamburini e Sanasi. Proprio Sanasi Nicola, detto il COBRA, è stato uno dei protagonisti assoluti, non solo con il gol, ma anche con i passaggi illuminanti che consentono ai compagni di trovare abbastanza facilmente la via della rete.

Peccato per qualche rete subita di troppo – commenta Amorosini -, ma sono proprio soddisfatto per il rendimento del mio gruppo. E’ una squadra che gioca bene, pressa e corre

Pensare all’Hockey Team in vetta insieme con la corrazata Bra è qualcosa di incredibile, ma questo gruppodi giovani, pur senza sognare lo scudetto, può comunque togliersi diverse soddisfazioni regalando emozioni e spettacolo ai propri sostenitori.

SI RIPARTE CON LA SERIE A1. Esordio sul campo Barca: battuto l’Adige 4-3. 

SI RIPARTE CON LA SERIE A1. Esordio sul campo Barca: battuto l’Adige 4-3. 

Muhammad Ehsan, Amorosini Mattia e Sanasi Nicola aka COBRA portano a casa la prima gioia dell’HT.

Buona la prima anche se Hockey Team Bologna rischia di buttare via una partita in cui era in vantaggio di 3 gol a fine primo tempo. Con l’Adige, tardizionale bestia nera dei rosso blu di Amorosini Pietro, finisce 4-3, ma è la successione del punteggio che lascia perplessi.

Spinti da un grandissimo e eterno Stasyuk Sergey i padroni di casa, sul campo barca, passano con Sanasi Nicola aka COBRA per il suo tocco letale che ha in attacco.

Di Muhammad Ehsan la rete su corner corto e vi a riposo sul punteggio di 2-0.
A inizio ripresa arriva la terza rete di Amorosini Mattia nonchè il capitano della squadra, dopodichè ingenuamente i ragazzi di Amorosini P. arretrano il baricentro del gioco.

L’Adige conquista metri e fiducia: a cinque minuti dalla fine la gara sembra stregata, perchè gli ospiti raggiungono addirittura la partità, 3-3.
Vista la mole di gioco prodotto il pareggio sarebbe una vera e propria beffa.
Così l’HT, spinto dai propri giovani, si butta coraggiosamente in avanti. E senza rischiare è proprio Muhammad Ehsan a firmare la doppietta che chiude i conti.

Almeno per una settimana HT Bologna resterà nel gruppetto di testa.

E’ DI NUOVO TUTTO AZZURRO

E’ DI NUOVO TUTTO AZZURRO

Dopo l’annuncio sul sito della Federazione Italiana Hockey che riguardava la convocazione di giocatori per il raduno di preparazione alla Championship III che si terrà in Croatia esattamente a Sveti Ivan Zelina dal 30/07 al 05/08.

Nell’elenco dei giocatori possiamo trovare due dei tanti nostri gioielli, stiamo parlando del Capitano della prima squadra, AMOROSINI MATTIA che ormai è un punto fisso del centrocampo della nazionale senior e la primissima convocazione nella categoria senior per LAGO PIETRO classe ’99 che già a quest’età tiene l’attacco della prima squadra insieme al Cobra e Stasiuok.

Entrambi sono partita per Roma nel Centro di Preparazione Acqua Acetosa dove resteranno fino al 02/07 insieme alla squadra senior e poi dal giorno successivo inizieranno il raduno con l’Under 21 perchè oltre alla convocazione per la squadra senior c’è anche quello per la giovanile ed a questa categoria si aggrega anche un’altro punto fermo dell’attacco dell’Hockey Team Bologna MISSAGLIA NICOLA.

L’Under 21 Maschile parteciperà alla Junior Championship II che si terranno in Russia a St. Petersburg dal 16/07 al 22/07.

Auguriamo un buon hockey a tutti e un bocca al lupo ai nostri piccoli tesori.

Esperienza Nazionale

Esperienza Nazionale

Si è conclusa la Hockey World League Round 2 Men che era organizzata a Belfast (Irlanda). L’Italia che si è piazzata al settimo come ci si aspettava ma con la consapevolezza di essere appena sotto le nazionali di grandi calibro come Irlanda (vincitore del round 2), Francia e Polonia con valori e tradizioni sicuramente più importanti dei nostri nell’ambito Hockeistico.

 

Tutta la squadra si è comportata in modo ottimale in questo torneo. Ma sicuramente l’elemento che ci fa ben sperare è Amorosini Mattia, 18 anni quasi compiuti ma ha già la stoffa per tenere in mano il centrocampo del Hockey Bologna ed è un punto fermo anche della Nazionale Italiana di Hockey sia a livello Senior che Junior (U21-U18).

 

Ci riempie d’orgolgio e ci fa ben sperare anche per il futuro sono le potenzialità di altri giovani che sono in crescita continua sotto la guida di Amorosini Pietro e Tassi Davide. HT Bologna che attualmente sta disputando il Campionato di Serie A1 Maschile con la rosa con maggior numero di giovani ci fa prospettare un futuro importante e magari ricco di molte soddisfazioni.

Ringraziamo

Ringraziamo

L’associazione Sportiva Hockey Team Bologna e la Società Sportiva Hockey Team Bologna Femminile sono a ringraziare la Società ALC di PASAT IOn & C. SAS per l’importante aiuto di sponsorizzazione dato nel 2016 e la fornitura completa di materiale sportivo per tutte le squadre che compongono l’attività di Hockey su Prato a Bologna.

Un sentito grazie anche da parte degli atleti delle categorie:
– A1 Maschile (che partecipa al massimo Campionato di Hockey Su Prato Nazionale)
– A2 Femminile (che partecipa alla seconda divisione del Campionato Nazionale di Hockey Su Prato)
– Under 21 Maschile (che partecipa al Campionato interregionale di categoria)
– Unde 18 Maschile (che partecipa al Campionato interregionale di categoria)
– Under 16 Maschile (che partecipa al Campionato interregionale di categoria)
– Under 14 Maschile (che partecipa al Campionato interregionale di categoria)
– Under 12 Maschile (che partecipa al Campionato interregionale di categoria)
– Under 12 Femminile (che partecipa al Campionato interregionale di categoria)

Sperando in una proficua e duratura collaborazione.

Impresa CUS: ribalta lo svantaggio in cinque minuti e vola in FINALE

Impresa CUS: ribalta lo svantaggio in cinque minuti e vola in FINALE

BASTANO cinque minuti al CUS Bologna per scacciare l’incubo di una sconfitta che avrebbe tagliato fuori gli universitari dalle finali tricolore, in programma proprio al PALACUS dal 3 al 5 Febbraio. Sotto lo sguardo attento del Presidente (CUS Bologna) Pagni Pietro, del suo braccio destro Panieri Federico e di una storica bandiera qual è Ghedini Luca (il leggendario Penna Bianca), gli uomini di Tassi vanno sotto nella partita contro l’UHC Adige. Il 2-0, dopo le vittorie del giorno prima, taglierebbe fuori l’Alma Mater dalle finali. Ma sotto 2-0, alla fine del primo tempo, il CUS ricorda di avere non solo le cuore, ma anche un gruppo di ragazzini terribili che stanno crescendo (non è un caso che il CUS sia in finale anche nei campionati U18 e U21). Così grazie a Missaglia Nicola e Amorosini Mattia (reduce dall’esperienza con  la Nazionale U21) arriva il pareggio.

E QUANDO TUTTO lascerebbe presagire il ricorso ai tempi supplementari ecco che, a un secondo dalla sirena, arriva il sigillo di Lago Pietro per il 3-2 che fa scattare la festa. C’è anche una finale da onorare (ma tutte e due le squadre sanno già di poter giocare per lo scudetto, tra due settimane) e il CUS viene battuto dal CUS Padova 6-4 dopo i tiri di rigore (tempi regolamentari chiusi sul 3-3 con doppietta di Missaglia e gol di Stasiouk).
Nel corso delle due giornate, Davide Tassi ha utilizzato Musto Antonio, Pompili Timido, Paranuzzi Paolo, Tamburini Luca, Gadda Daniele, Lago Pietro, Stasiouk Sergey, Amorosini Mattia, Missaglia Nicola, Sanasi Nicola, Dumbrava Daniel e Pagani Gianfranco.

 

nell’immagine in evidenza
il trio che ha aiutato il CUS a ribaltare la partita contro UHC Adige. (un gol a testa)